Questo sito utilizza i cookie.Proseguendo nella navigazione ne accetti l’utilizzo(cookie policy)

Giornata Mondiale della Consapevolezza sull’Autismo: entro il 2022 le nuove linee guida su diagnosi e trattamento

Aggiornamento GPS 2024 - Clicca qui e ottieni subito 2 PUNTI
Giornata Mondiale della Consapevolezza sull’Autismo: entro il 2022 le nuove linee guida su diagnosi e trattamento
di: -

Il 2 aprile si è celebrata la Giornata Mondiale della Consapevolezza sull’Autismo, istituita dall’ONU, e anche quest'anno il Ministero dell’Istruzione ha partecipato attivamente all'iniziativa. 

Per l’occasione, il Palazzo dell’Istruzione, così come il Quirinale, il Senato e altri palazzi istituzionali e monumenti, italiani e nel mondo, sono stati illuminati di blu, con l’obiettivo di sensibilizzare la comunità e richiamare l'attenzione sul tema. Il Ministero ha invitato, inoltre, tutte le scuole a organizzare momenti di incontro e condivisione per promuovere una sempre maggiore consapevolezza e migliorare le opportunità di crescita e formazione di tutti gli alunni e gli studenti.

“La nostra scuola ha una grande tradizione di inclusione – dichiara il Ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi –, ma la giornata del 2 aprile ci ricorda che l’impegno per garantire i diritti di ogni bambina e di ogni bambino non deve fermarsi mai. La scuola è il battito della comunità: se costruiamo insieme una scuola accogliente poniamo le basi per una società di pari opportunità, democratica. Tutto questo passa dall’educazione e dal rispetto. Il 2 aprile e ogni giorno dell’anno”.

Gli istituti scolastici sono stati invitati a organizzare nei prossimi giorni eventi di sensibilizzazione anche in collaborazione con le associazioni delle persone con autismo e dei loro familiari e con associazioni scientifiche di settore, stimolando un dialogo educativo e richiamando l’attenzione sui diritti di ogni persona e su ciò che deve essere assicurato, nella scuola e nella società, per garantirli.

Autismo: i dati

Le persone con autismo sono tante, circa una su cento, con i maschi colpiti 3-4 volte più delle femmine: in Italia riguarda una famiglia su 500mila e un bambino su 77 tra i 7 e i 9 anni. Esordisce in età pediatrica ma dura tutta la vita: i bambini con autismo diventano ragazzi e ragazze, poi adulti e poi anziani, e hanno un'aspettativa di vita paragonabile a quella generale.

Cos'è lo spettro autistico

Chi è affetto da autismo non ha un solo sintomo ma uno spettro di disturbi diversificati. Si parla infatti di Autism Spectrum Disorders (ASD), cioè di un insieme eterogeneo di situazioni ma con alcuni sintomi comuni, in particolare una compromissione dell'interazione sociale e della comunicazione, e modelli ripetitivi e stereotipati di comportamento. I sintomi possono essere lievi, medi o gravi, e può esserci o no una compromissione cognitiva: il 40-50% delle persone con autismo ha anche una disabilità intellettiva, ma il 50-60% no. C'è poi una grande eterogeneità delle competenze linguistiche: alcuni hanno un vocabolario ricco e altri non parlano.

Autismo: la diagnosi

La diagnosi di autismo arriva mediamente intorno ai 3-4 anni ma si può fare già a 24 mesi, visto che parliamo di una organizzazione atipica di alcune aree del cervello che si manifesta tra i 18 e i 36 mesi. Si sta riuscendo ad abbassare l'età della diagnosi, ma c'è ancora un gap di circa due anni in Italia come nel resto del mondo, probabilmente dovuto al fatto che ancora oggi la capacità di cogliere i segnali di autismo è insufficiente, soprattutto nei casi di gravità medio-lievi e senza compromissione cognitiva.

Autismo: la componente genetica

È noto che l'autismo ha una componente genetica da quando negli anni Settanta sono stati condotti studi sui gemelli omozigoti (con lo stesso patrimonio genetico) e sui gemelli eterozigoti (diverso DNA). Da quegli studi risultò che se un bambino è autistico la probabilità che lo sia anche il suo gemello identico è dell'80-90%, mentre nei gemelli eterozigoti questa probabilità è del 10-20%.

Autismo: le nuove linee guida entro il 2022

Attualmente si stanno ancora seguendo le linee guida del 2011, ma entro la fine del 2022 saranno pronte nuove linee guida sulla diagnosi e sul trattamento dei disturbi dello spettro autistico nei bambini e adolescenti. Per la prima volta usciranno anche le linee guida per adulti con disturbi dello spettro autistico redatte sulla base dell'evoluzione delle conoscenze fisiopatologiche e terapeutiche.

Gli interventi per le persone con autismo che prevedono sempre il coinvolgimento delle famiglie, ci sono e funzionano: le persone con autismo non guariscono ma se trattate adeguatamente e precocemente, anche in casi di disturbo grave possono sviluppare un grado di autonomia essenziale per il futuro.

Tutti i diritti sono riservati ed è vietata anche la riproduzione parziale. Il layout e le schede informative, sia web che inviate via email sono di proprietà di soloformazione.it pertanto è fatto assoluto divieto replicare o copiare parte del layout e dei contenuti
02 871 991 26