Questo sito utilizza i cookie.Proseguendo nella navigazione ne accetti l’utilizzo(cookie policy)

Scacchi: il gioco che aumenta logica, memoria e creatività

Un bambino gioca a scacchi
di: -

Nelle ultime settimane c'è una serie Netflix che sta facendo appassionare grandi e piccoli: è La Regina degli Scacchi, la storia di una ragazza prodigio che partita dopo partita è riuscita a battere anche i più grandi campioni mondiali, con caparbietà e determinazione, affrontando un ostacolo dopo l'altro.

Gli scacchi sono molto di più di un gioco: aumentano le capacità logiche e addirittura in Spagna sono diventati materia obbligatoria a scuola, ma in altri paesi come Francia, Germania e Regno Unito lo sono già da molto tempo.

Scacchi: chi ne beneficia di più

Ci sono alcune categorie di studenti che possono beneficiare maggiormente del gioco degli scacchi, ad esempio chi ha uno di questi disturbi o sindromi:

Gli scacchi sono dunque una vera e propria disciplina sportiva riconosciuta dal Coni, molto utile nel percorso pedagogico, che aiuta il bambino di età scolare a raggiungere una serie di fondamentali obiettivi nello sviluppo della mente, della personalità e del comportamento sociale.

I benefici in termini pedagogici che derivano dalla pratica degli scacchi sono lo sviluppo di:

  • capacità logiche: gli scacchi sono un gioco problem solving: si utilizzano infatti le proprie conoscenze per trovare e giustificare soluzioni a problemi reali

  • concentrazione: per giocare serve molta concentrazione, anche prolungata, per pensare alla mossa migliore considerando il tempo e lo spazio dati

  • accettazione delle regole: Il confronto avviene in condizioni di assoluta parità iniziale, esige per regolamento la massima
    correttezza

  • autostima: è necessario avere la capacità di ricercare con calma, con determinazione, con fiducia nelle proprie risorse intellettive la soluzione delle difficoltà

  • senso di responsabilità: gli scacchi sviluppano la capacità di prendere decisioni, spesso sotto pressione, e di assumersene la responsabilità

  • autocontrollo: stare seduti e controllare il proprio corpo serve a stabilire un equilibrio emozionale e a gestire meglio l'ansia

  • pazienza: è indispensabile per la riflessione e la rielaborazione di concetti, in particolare quello che le proprie azioni provocano conseguenze non recuperabili

  • memoria: negli scacchi è molto utile ricordarsi il più possibile delle varie mosse e delle precedenti situazioni sulla scacchiera per non dover rigiocare da zero ogni volta.

  • coordinazione: poiché ogni pezzo si muove in modo diverso sulla scacchiera, gli scacchi consentono di raggiungere anche una sicura abilità spaziale e una coordinazione oculo-motoria.

  • creatività: il giocatore deve trovare continuamente nuove idee per difendersi o attaccare. Ma deve anche sviluppare capacità intuitive per prevedere le mosse dell'avversario.

Tutti i diritti sono riservati ed è vietata anche la riproduzione parziale. Il layout e le schede informative, sia web che inviate via email sono di proprietà di soloformazione.it pertanto è fatto assoluto divieto replicare o copiare parte del layout e dei contenuti
02 871 991 26